Support 800 335 335
News

News

  • Home
  • News
  • Controlli ENEA sull’Ecobonus
22/10/2018

Controlli ENEA sull’Ecobonus

Controlli ENEA sull’Ecobonus 1

Definite le procedure di controllo ENEA sulla sussistenza delle condizioni necessarie per fruire delle detrazioni fiscali per l’efficienza energetica (65%).

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha definito le procedure di controllo per la verifica delle condizioni necessarie a usufruire delle detrazioni fiscali del 65% per interventi di riqualificazione energetica - o Ecobonus - da parte di Enea, l’Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile.

Il Decreto Ministeriale - pubblicato nella Gazzetta Ufficiale l’11 settembre scorso, nr. 211  - prevede che, entro il 30 giugno di ogni anno, sia disposto un programma di controlli documentali a campione e accertamenti sul posto per verificare la correttezza o completezza delle domande pervenute sul portale ENEA, per gli interventi energetici entro il 31 dicembre dell’anno precedente.

Controlli a campione e accertamenti sul posto ENEA

Gli accertamenti documentali a campione riguarderanno le domande pervenute a ENEA - non oltre lo 0,5% - con i seguenti requisiti:

  • spesa più elevata
  • interventi con diritto a un’aliquota maggiore
  • criticità rispetto ai requisiti di accesso a detrazione e massimali dei costi unitari

Prima dei controlli, ENEA informerà tramite posta elettronica certificata o raccomandata gli amministratori di condominio o le persone fisiche interessate alle procedure, che avranno 30 giorni per trasmettere a ENEA la documentazione utile alla detrazione, attestazioni dei tecnici abilitati e certificazioni. L’esito delle verifiche sarà poi comunicato entro 90 giorni.

ENEA potrà effettuate anche accertamenti sul posto sul 3% del campione selezionato (0,5% delle domande), avvisando gli interessati 15 giorni prima dell’ispezione, sempre tramite pec o raccomandata. Gli incaricati ENEA potranno richiedere atti, documenti, fotografie e schemi tecnici, utili al controllo, che verranno messi a verbale.

In caso di esito negativo del controllo ENEA

In caso ENEA rilevi la mancata corrispondenza tra i documenti trasmessi e i lavori effettivamente realizzati o in caso sia impossibile procedere ai controlli necessari, l’Agenzia delle Entrate ha facoltà di revocare l’Ecobonus.

Agiornamenti e casi da sottoporre a verifica saranno pubblicati sul portale ENEA.

Cookies help us deliver our services. Using these services, you agree to the use of cookies on our part. Info